“Riannodare i fili della vita” è uno dei 18 progetti vincitori del bando “Ricucire i Sogni” dell’Impresa Sociale CON I BAMBINI, per la protezione e la cura dei minori vittime di maltrattamento e per prevenire e contrastare ogni forma di violenza verso bambini e adolescenti.

Il progetto, di cui Elefanti Volanti è capofila, è di ambito regionale e coinvolge, in un piano di lavoro di 3 anni, le 4 province di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova e più di 50 partner tra Fondazioni, Comuni, Aziende speciali consortili, Cooperative sociali, Centri antiviolenza, Consultori Familiari, Case rifugio, Comunità di accoglienza, Associazioni, Enti formativi, Università Cattolica –Facoltà di Psicologia, Ufficio scolastico provinciale Brescia.

MEDEFitalia è partner per l’alta formazione degli operatori, con due proposte formative:

 

MODALITA’ DI EROGAZIONE:
Online, tramite piattaforma Zoom.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

ISCRIZIONI E ULTERIORI INFORMAZIONI

ALTA FORMAZIONE INSERITA NEL PROGETTO

Premessa

Gli operatori che basano il proprio intervento sulla qualità della relazione con l’interlocutore, subiscono spesso una serie di difficoltà associabili a particolari condizioni, stati d’animo o circostanze vissute dai partecipanti che innescano incomprensioni, fraintendimenti e modalità reattive che rendono difficile o inefficace l’azione.
Conoscere e saper gestire i fattori associati a un’interazione problematica può aiutare il professionista a comprendere meglio la situazione e a lavorare con maggiore efficacia.

Spesso tra gli elementi di difficoltà si fa rientrare il conflitto, in un’accezione unicamente negativa e distruttiva. In realtà esso è un elemento naturale dell’interazione tra individui e può avere un valore costruttivo ed evolutivo.
La possibilità di sfruttare le potenzialità positive del conflitto costituisce per l’operatore una significativa risorsa sia professionale che personale.

OBIETTIVI FORMATIVI
Il corso si proponge di ampliare le conoscenze sul conflitto, le sue peculiarità, le sue componenti, sui protagonisti dell’interazione conflittuale, arrivando a descrivere tecniche e strategie di gestione del conflitto stesso.
Per concretizzare i concetti espressi, si analizzeranno casi concreti.

DOCENTE
Dott. Paolo Scotti, psicologo e mediatore familiare, dal 1995 lavora al Centro per il Bambino e la Famiglia, struttura dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo che offre servizi specialistici in situazioni di violenza, abusi sui minori ed elevata conflittualità. Supervisore e formatore per enti pubblici e privati, nel 2016 ha fondato, insieme ad altri colleghi, MEDEFitalia Mediatori della Famiglia – Italia, associazione nazionale di professionisti della mediazione familiare, di cui è il Presidente.

DURATA DEL CORSO E N° DI EDIZIONI
Due incontri di 3 ore per 3 edizioni.

PRIMA EDIZIONE:
1° INCONTRO:
Venerdì 11 Novembre 2022 ore 14.00 – 17.00
2° INCONTRO:
Venerdì 25 Novembre 2022 ore 14.00 – 17.00
SECONDA EDIZIONE:
1° INCONTRO:
Venerdì 5 Maggio 2023 ore 14.00 – 17.00
2° INCONTRO:
Venerdì 19 Maggio 2023 ore 14.00 – 17.00
TERZA EDIZIONE:
1° INCONTRO:
Venerdì 22 Settembre 2023 ore 14.00 – 17.00
2° INCONTRO:
Venerdì 29 Settembre 2023 ore 14.00 – 17.00

MODALITA’ DI EROGAZIONE:
Online, tramite piattaforma Zoom.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

ISCRIZIONI E ULTERIORI INFORMAZIONI

 

ALTA FORMAZIONE INSERITA NEL PROGETTO

Premessa

Nata negli anni 70 nel mondo anglosassone e portata in Italia dal Prof. Scaparro (tra gli altri), la mediazione familiare è un approccio alle separazioni fortemente conflittuali, caratterizzato da una nuova visione del conflitto, inteso non come patologia ma come componente fisiologica dell’iterazione umana, segnale di cambiamento, stimolo alla attivazione di potenzialità riparative e ricostruttive dell’individuo che, se opportunamente sostenute e stimolate, possono consentire di superare costruttivamente la crisi. Diventa quindi importante imparare a gestire il conflitto, per evitare che si trasformi in una possibile forma di maltrattamento: l’abuso da cattiva separazione.

Chi si occupa di mediazione è quindi un tecnico di gestione del conflitto e del cambiamento, la mediazione stessa è gestione del cambiamento, basata su due assunti fondamentali

  • piena fiducia nelle capacità di autoripresa dei genitori che, pur presentandosi come due “mostri” tutti presi a “farsi la guerra”, grazie all’intervento di un terzo neutrale, che non patteggia e che non si fa strumentalizzare, possono riprendere le comunicazioni e individuare insieme le decisioni migliori per il benessere proprio e dei propri figli;
  • responsabilizzazione dei genitori che, in un percorso caratterizzato da scontri, lotte e sofferenze quale quello della separazione coniugale altamente conflittuale, attraverso la mediazione familiare possono prendere direttamente le migliori decisioni come genitori dei propri figli, senza delegarle ad altri ed essendo pienamente consapevoli delle conseguenze delle proprie azioni, sia costruttive che distruttive.

Questo è possibile perché i partecipanti alla mediazione scelgono volontariamente di collaborare, stimolati dal mediatore che non si impone, perché il potere del mediatore è scarso: è una figura provvisoria (esiste in virtù della presenza dei due genitori), non ha compiti decisionali (le decisioni vengono prese dai genitori), non fa valere la propria esperienza (gli esperti dei bambini sono solo i loro genitori), ma piuttosto valorizza le competenze presenti nei genitori (ipotizzate dal mediatore “ottimista”, che ha fiducia nelle persone e nelle loro capacità).

OBIETTIVI FORMATIVI
Il corso si propone di approfondire le conoscenze sulla mediazione familiare, le sue caratteristiche, gli obiettivi e le metodiche associate a questo approccio di gestione delle separazioni fortemente conflittuali. Verranno analizzate inoltre le caratteristiche del mediatore e la sua interazione con i professionisti e i servizi coinvolti a vario titolo nelle separazioni. Per concretizzare i concetti espressi, si analizzeranno casi concreti e la loro evoluzione in mediazione.

DOCENTE
Dott. Paolo Scotti, psicologo e mediatore familiare, dal 1995 lavora al Centro per il Bambino e la Famiglia, struttura dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo che offre servizi specialistici in situazioni di violenza, abusi sui minori ed elevata conflittualità. Supervisore e formatore per enti pubblici e privati, nel 2016 ha fondato, insieme ad altri colleghi, MEDEFitalia Mediatori della Famiglia – Italia, associazione nazionale di professionisti della mediazione familiare, di cui è il Presidente.

DURATA DEL CORSO E N° DI EDIZIONI
Due incontri di 3 ore per 3 edizioni

PRIMA EDIZIONE:
1° INCONTRO:
Venerdì 2 Dicembre 2022 ore 14.00 – 17.00
2° INCONTRO:
Venerdì 16 Dicembre 2022 ore 14.00 – 17.00

SECONDA EDIZIONE:
1° INCONTRO:
Venerdì 9 Giugno 2023 ore 14.00 – 17.00
2° INCONTRO:
Venerdì 23 Giugno 2023 ore 14.00 – 17.00

TERZA EDIZIONE:
1° INCONTRO:
Venerdì 13 Ottobre 2023 ore 14.00 – 17.00
2° INCONTRO:
Venerdì 27 Ottobre 2023 ore 14.00 – 17.00

MODALITA’ DI EROGAZIONE
Online, tramite piattaforma Zoom.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

ISCRIZIONI E ULTERIORI INFORMAZIONI

ALTA FORMAZIONE INSERITA NEL PROGETTO

Premessa

La violenza domestica, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità è la più importante preoccupazione per la salute e i diritti delle persone coinvolte, e determina gravi conseguenze a breve e lungo termine, con conseguenti frequenti accessi al sistema sanitario (Responding to intimate partner violence and sexual violence against women, OMS 2013). Questi dati confermano che la soluzione non può essere la sola repressione. E’ necessario che tutti siano messi nelle condizioni di cambiare, di migliorare, di uscire dalla loro condizione: sia le vittime sia gli autori delle violenze.

Se programmi e strutture per aiutare le vittime di violenza sono abbastanza diffusi sul territorio nazionale e regionale, storicamente sono sempre stati molti meno gli interventi con gli autori. Negli ultimi anni si stanno però sperimentando nuovi protocolli di intervento che partono da una diversa lettura della violenza che tenga maggiormente in considerazione le dimensioni sociali, culturali e relazionali, per arrivare a definire prospettive di intervento in grado di accogliere la complessità della casistica.

Obiettivi formativi

Rileggere il fenomeno della violenza domestica da un punto di vista relazionale, per comprenderne i meccanismi che la innescano e le conseguenze sull’intero sistema familiare.

Analizzare l’insieme dei progetti di intervento per autori di violenze sia a livello internazionale che nazionale, per poi concentrarci sull’esperienza del Centro per il Bambino e la Famiglia di Bergamo che dal 2019 offre un protocollo d’intervento di questo tipo.

Docente

Dott. Paolo Scotti, psicologo e mediatore familiare, dal 1995 lavora al Centro per il Bambino e la Famiglia, struttura dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo che offre servizi specialistici in situazioni di violenza, abusi sui minori ed elevata conflittualità. Supervisore e formatore per enti pubblici e privati, nel 2016 ha fondato, insieme ad altri colleghi, MEDEFitalia Mediatori della Famiglia – Italia, associazione nazionale di professionisti della mediazione familiare, di cui è il Presidente.

Contenuti:

  • 1 Incontro:
    Il contesto relazionale e sociale della violenza: una lettura socioculturale del fenomeno e delle cause degli agiti violenti
  • 2 Incontro:
    I fenomeni emergenti e la necessità di un cambio di paradigma negli interventi
  • 3 Incontro:
    Gli interventi con gli autori: non solo padri violenti
    Analisi di casi concreti

Durata del corso e N° di edizioni

  • 3 edizioni di 3 incontri di 3 ore l’uno
  • Giornata formazione: venerdì pomeriggio 14.00-17.00

Calendario incontri

1 Edizione

  1. Incontro 20 gennaio,
  2. Incontro 10 febbraio
  3. Incontro 24 febbraio 2023

2 Edizione

  1. Incontro 16 giugno,
  2. Incontro 7 luglio
  3. Incontro 14 luglio 2023

3 Edizione

  1. Incontro 6 ottobre 2023
  2. Incontro 20 ottobre 2023
  3. Incontro 10 novembre 2023

MODALITA’ DI EROGAZIONE:
Online, tramite piattaforma Zoom.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

ISCRIZIONI E ULTERIORI INFORMAZIONI

 

CORSO DI FORMAZIONE/PERFEZIONAMENTO:
PERCORSI E PRATICHE DI PREVENZIONE E CURA DEI MALTRATTAMENTI E ABUSI 
SUI MINORI
I° CICLO

Il progetto “Da Semola ad Artù”, finanziato dall’Impresa Sociale Con i bambini nell’ambito del bando “Ricucire i sogni 2019”, intende prevenire e contrastare la violenza contro i bambini e gli adolescenti in Sicilia – in particolare nelle aree di Catania, Messina e Palermo – sviluppando un modello di intervento olistico di valutazione e presa in carico psicoterapeutica per l’elaborazione delle esperienze sfavorevoli infantili e adolescenziali.

Il lavoro formativo si baserà prevalentemente su metodologie attive che prevedono un intenso coinvolgimento dei partecipanti. Partendo dagli spunti emergenti dal lavoro di confronto si potranno individuare spazi di esposizione relativa ad impostazioni teoriche, cui faranno seguito confronti con i partecipanti, approfondimenti dei casi complessi, discussione su quanto elaborato nelle simulazioni progettuali.
Il percorso diviso in 8 moduli avrà una durata di 72 ore in modalità mista, online e in presenza, così strutturate:
– 63 ore online che prevedono sia una formazione teorica con presentazione dei temi trattati nel modulo e una parte laboratoriale e interattiva con work- group interdisciplinari, analisi e studi di caso;
– 9 ore in presenza in ciascuna delle sedi Polo – Catania, Messina, Palermo.
Per una maggiore efficacia degli interventi formativi, 6 moduli saranno multidisciplinari e aperti alla partecipazione di tutti gli operatori, mentre due moduli saranno dedicati alla clinica e, pertanto, indirizzati principalmente a psicologi e psicoterapeuti per la presa in carico.

CONTATTI E INFORMAZIONI:
CISS – COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SUD SUD VIA MARCONI 2/A, 90141 PALERMO (ITALY)
EMAIL: info@cissong.org – TEL.: +39 091 62 62 694 WWW.CISSONG.ORG
REFERENTE: PASQUA DE CANDIA, EMAIL: p.decandia@cissong.org

 Scarica la descrizione del progetto

L’Alta Scuola di Psicologia Agostino Gemelli – ASAG
Università Cattolica del Sacro Cuore

presenta 

il Master in Giustizia Riparativa e Mediazione Penale

I Edizione – a.a. 2022/2023
Brescia, settembre 2022 – giugno 2024

L’istituzione del Master in Giustizia Riparativa e Mediazione Penale nasce per rispondere all’esigenza, sempre più attuale e finanche urgente alla luce delle innovazioni legislative in corso di approvazione, di offrire al contesto istituzionale e lavorativo figure professionali specializzate per la progettazione e
la realizzazione di interventi di Giustizia Riparativa.

Programma

Link al sito per informazioni e iscrizioni

secondo le indicazioni contenute nella legge delega 206/2021

4 incontri
giovedì 15, 22, 29 settembre
e 6 ottobre 2022 dalle 14.30 alle
18.30 su piattaforma Zoom

Destinatari

Mediatori familiari professionisti e in formazione, altre figure professionali interessate previo colloquio conoscitivo

Obiettivi

  • Fornire ai mediatori familiari conoscenze e competenze in materia di diritto delle relazioni familiari, in linea con quanto prescritto dalla L. 206/2021 di Riforma del processo civile, che prevede specifici obblighi formativi integrativi.
  • In particolare, la formazione fornita è in linea con quanto previsto dall’art. 1, comma 23, lettere o) e p) L. 26 novembre 2021 n. 206.

La norma prescrive infatti che “i mediatori familiari siano dotati di adeguata formazione e specifiche competenze nella disciplina giuridica della famiglia nonché in materia di tutela dei minori e di violenza contro le donne e di violenza domestica”.

MEDEFitalia ha attribuito 12 crediti formativi per i propri Soci

 Programma dettagliato

Per informazioni e iscrizioni:
MODULO ONLINE

oppure
formazione@associazionegea.it

TEL. 0229004757

secondo le indicazioni contenute nella legge delega 206/2021

4 incontri
mercoledì 9, 16, 23
e 30 novembre 2022 dalle 14.30
alle 18.30 su piattaforma Zoom

Destinatari

Mediatori familiari professionisti e in formazione, altre figure professionali interessate previo colloquio conoscitivo

  • Obiettivi
  • Avere il quadro giuridico di riferimento rispetto agli interventi civili e penali in contrasto alla violenza
    domestica
  • Acquisire consapevolezza sul significato personale della violenza e la risonanza che provoca nel
    mediatore familiare
  • Distinguere le dinamiche violente rispetto a quelle altamente conflittuali
  • Individuare gli strumenti per affrontare il colloquio in cui emergano narrazioni di violenza o indizi di
    situazioni violente
  • Riflettere sul ruolo e i doveri deontologici del mediatore familiare rispetto al genitore che agisce la
    violenza e a quello che la subisce

 MEDEFitalia ha attribuito 12 crediti formativi per i propri Soci

Programma dettagliato

Per informazioni e iscrizioni:
MODULO ONLINE

oppure
formazione@associazionegea.it

TEL. 022900475

 

L’Assemblea dei Soci di MEDEFitalia Mediatori della Famiglia – Italia è convocata in data 16 giugno 2021 alle ore 23,30 in prima convocazione e, occorrendo, in seconda convocazione in data

17 giugno 2022 alle ore 11:00

presso lo Studio del Notaio Filippo Salvo

in Via Guido Rossa 14 a Buccinasco (MI)

e, in contemporanea, su piattaforma Zoom

per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:

Ore 11:00 – PARTE ORDINARIA

  • Relazione del Presidente dell’Associazione
  • Approvazione del bilancio consuntivo 2021
  • Approvazione bilancio preventivo 2022
  • Nomina di nuovo Consiglio Direttivo per il triennio 2022-2024
  • Nomina del Presidente dell’Associazione
  • Nomina dei Referenti Territoriali

Ore 12:00 – PARTE STRAORDINARIA

  • Proposta di modifiche allo Statuto dell’Associazione.

I Soci potranno richiedere alla segreteria copia del consuntivo 2021 e del preventivo 2022.

Si invitano i Soci a far pervenire, entro e non oltre il 12/06/2022, eventuali autocandidature – precisando la carica per la quale preferibilmente ci si propone – e/o a segnalare eventuali candidature di altri soci.

Entro il giorno precedente l’assemblea verrà inviato il link per il collegamento da remoto attraverso la piattaforma zoom.

Per ragioni organizzative, si invitano i Soci a comunicare alla segreteria se parteciperanno in presenza ovvero da remoto.

Come specificato dall’art.13 dello Statuto:

  • Il diritto di intervento in Assemblea nonché il diritto di voto spettano ai Soci Fondatori e ai Soci Professionisti in regola con il versamento della quota associativa e associati da almeno sei mesi.
  • Ogni Socio ha diritto a un voto.
  • Sono ammesse le deleghe, compilando il format che trovate in terza pagina nella convocazione, ma nessun associato può riceverne più di tre. La delega può essere inviata entro e non oltre il 14/06/2022 per email all’indirizzo: segreteria@mediatoridellafamiglia.it
  • Per la validità dell’Assemblea che proponga la modifica dello Statuto, si richiede la presenza (di persona/in connessione da remoto o per delega) ed il voto favorevole dei tre quarti dei Soci di MEDEFitalia.

 Convocazione Assemblea Soci e delega

F.I.D.A.P.A BPW Italy
Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari
Business & Professionale Woman
Sezione Brescia Vittoria Alata

ORGANIZZANO
Convegno
3 maggio 2022
dalle 17 alle 19
Salone Vanvitelliano – Palazzo Loggia
Brescia

PROGRAMMA

Saluto delle autorità

  • Rachele Capristo – Presidente Fidapa BPW Italy Distretto Nord Ovest
  • Emanuela Facchi – Presidente Fidapa BPW Italy Sezione Brescia Vittoria Alata
  • Emilio Del Bono – Sindaco di Brescia

Moderatore – Emanuela Facchi

Intervengono

  • Ippolita Sforza, Presidente Commissione Pari Opportunità Comune di Brescia: Violenza assistita e tutela dei minori
  • Cinzia Grasso, psicoterapeuta: Consapevolezza dei danni dei conflitti
  • Gisella Pricoco, Sociologa, Mediatrice Familiare, Vicepresidente MEDEFitalia: La forza della mediazione
  • Isabel Fernandez, Presidente Associazione EMDR Italia: Supporto psicologico in tempo di guerra
  • Enrico Consolandi – Presidente della Terza Sezione Civile – Famiglia Tribunale Ordinario di Brescia
  • Cristina Maggia – Presidente del Tribunale dei Minori

Dibattito – Modera Cinzia Grasso

Conclusioni – Emanuela Facchi

 

Al termine del convegno ai presenti sarà offerto un omaggio emozionale

Ingresso con certificazione verde Covid19 – green pass

Scarica la locandina dell’evento